download.jpeg

SIMIL-PROP

Come un rebus, l’artista unisce filosofie lontane e simili allo stesso tempo. Quella del costruttivismo e del neorealismo, che hanno più di un comune denominatore nei loro scopi più intimi. Con un occhio da cinematografo, Crudi ritrae graficamente figure appartenenti alla classe operaia della terza rivoluzione industriale. Li colloca poi negli scenari astratti del suprematismo e del primo costruttivismo, creando un senso di dualismo che esiste fra il lavoro reale e la sovrastruttura che gli gravita intorno. 

Fedele alle teorie filosofiche più autentiche del costruttivismo, l’artista riporta la realtà stessa modificandone la percezione. Di qui nasce il lavoro di "simil-propaganda" di Leonardo Crudi, che presenta una realtà artefatta in cui i protagonisti incarnano solo metaforicamente la classe lavoratrice.  

26/5/17 - 2/6/17                     Pastificio Cerere, Roma